PEACELINK GREEN TOUR ANALIZZA LA QUALITA’ DELL’ARIA IN PUGLIA,MA LE ANALISI NON SONO RAPPRESENTATIVE

peacelink

Questa mattina tutti i media pugliesi hanno riportato la notizia secondo cui l’associazione ambientallista Peacelink ,nota agli internauti per i suoi articoli riguardo alle questioni ambientali, ha effetuato in Valle d’Itria e nel Salento una serie di misurazioni ambientali specificatamente mirate all’individuazione di inquinanti IPA (idrocarburi policiclici aromatici) un inqunante fortemente cancerogeno proveniente per la maggior parte dalla combustione di idrocarburi , dalle auto, dalle raffinerie e dalle acciaierie entrambi presenti a Taranto.

Apprezzando chiaramente le buone intenzioni (?) di questa iniziativa , contesto fortemente la condotta con cui è stata effettuata la misurazione per il rilevamento degli IPA.

Quando si effetua una misurazione ambientale infatti si parte analizzando per prima cosa le possibile fonti inquinanti, in questo caso stiamo parlando di Taranto, sede di un centro industriale (aciaierie ilva, raffinerie eni, camentificio e altro ancora) tra i più inquinanti d’europa (a causa anche dell’assenza di filtri e captatori ). Poi in base a venti rappresentativi (cioè i venti dominanti nell’anno e la localizzazione delle fonti inquinanti)  e in più ,per una maggiore affidabilità la si fa lontano da fenomeni piovosi. Questi due ultimi punti sono fondamentali in quanto il vento trasporta gli inquinanti e la pioggia li dilava fortemente rendendo altrimenti le analisi errate inaffidabili se non proprio una presa per i fondelli.

I venti dominanti in Puglia sono  sud sud-ovest e nord nord-ovest e da 3 anni a questa  parte un buon 80 % del tempo proveniva da sud sud-ovest, Quest’anno 6 o 7 giorni su 10 è scirocco. Ragione per cui si in vall’d’itria si sarebbe dovuto aspettare il vento da sud-ovest anzichè  quello dal nord. Al contrario invece nel basso Salento avrebbero dovuto aspettare la Tramontana. Invece hanno fatto esattamente il contrario.

Le misurazioni in questione ,condotte da Peacelink sono state fatte invece durante un periodo di piogge intermittenti ma continue  e  in condizioni di vento tali , cosi come si può vedere dai loro stessi rapportini , da comprometterne la validità. Anzi per essere precisi hanno rilevato solamente la eventuale presenza di IPA provenienti dalle auto e caminetti a legna (anche se di mattina non li accende nessuno).

foto puglia VENTI

Locorotondo , Cisternino e Martina Franca sono state misurate con vento proveniente da Nord, mentre Marina di Lizzano  è stata misurata con vento proveniente da Sud-Est a 50km/h d’intensità.  Ostuni e stata misurata sempre con vento proveniente da Sud-Est.

Riguardo alle misurazioni nel basso Salento ,essendo la fonte primaria d’inquinamento la mega centrale enel di Cerano (con i suoi 9,6 milioni di Nm3/h di fumi prodotti)  oltre che la grande centrale di BRNord , i venti durante le misurazioni, portavano gli inqunanti dalla parte opposta.

Cioè : Trepuzzi vento da Sud a 24km/h, Lecce da sud Sud-Ovest ….eccetera eccetera….vedi tu stesso

Dall’insignificante  risultato delle analisi si evince pertanto l’assenza o quasi di IPA in Valle d’Itria,  Lizzano e sud Salento …. e si evince anche l’assenza di speranze ! ! !

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s